29 ottobre 2005

Rock Politik e il dritto d'autore

No, non è un errore di stampa. Intendiamo esattamente "dritto" d'autore e non "diritto" d'autore. Perchè Celentano è sicuramente un "dritto", il solito furbetto da 4 (o forse più) soldi di cui è infestata l'Italia. Non abbiamo intenzione di fare l'inventario di tutte le "drittate" del nostro eroe, sotto gli occhi di tutti, ma solo soffermarci sulla sua ultima furbata, la sopravvalutata trasmissione televisiva Rock Politik.

Sono andato a dare uno sguardo al sito associato alla trasmissione ed in particolare, alla spassosa pagina di avvertenze legali in cui vengono ridefiniti dalle fondamenta alcuni principi giuridici e viene regolamentato addirittura l'utilizzo del web.

Il paragrafo denominato "2. Diritti d'autore" è un vero capolavoro di burocratese e di nonsense, degno dei fratelli Marx, dove viene sciorinata una raffica di divieti da impallidire: viene asserito il divieto di link, che avrebbe l'immediata conseguenza della morte del web (che è una metafora della ragnatela dove l'elemento fondamentale è esattamente il link) e viene proibita anche la copia parziale dei contenuti, negando così l'elementare diritto di citazione consentito universalmente da qualunque citazione. Insomma, una feroce difesa, anche al di là del buon senso, di qualsiasi diritto di proprietà intellettuale sulle banalità presenti sul sito.

Beh, la cosa "divertente" è che il nostro è passato sopra come un carrarmato sui diritti altrui, utilizzando nella prima puntata di Rock Politik diversi spezzoni di trasmissioni televisive altrui senza neanche citarne la fonte, contravvenendo alla più elementare forma di diritto d'autore che è quella del riconoscimento delle opere altrui, prima ancora di qualsiasi contravvenzione ai diritti di sfruttamento.

Quest'ennesimo episodio non fa che confermare la scarsa stima che abbiamo di questo personaggio qualunquista e furbastro, che ha solo avuto la fortuna di trovare una moglie molto più intelligente di lui.

Articolo precedente della serie: Il Grillo parlante

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Perfettamente d'accordo, qualunquismo e gridate da Circo Massimo per aizzare le folle a seguire uno "spettacolo" che fa bene solo alle sue tasche.
Un inno al "chissà che s'inventa la prossima puntata"
I Romani avevano i gladiatori, noi Celentano

Anonimo ha detto...

celentano sarà un furbastro..ed è vero..però...a guardare le vostre classifiche sembrerebbe un furbastro di qualità..lucio battisti ad un certo punto si permise il lusso di nn concedere live, partecipazioni,interviste ect ect...e nn ci abbiamo certo guadagnato.cele e mina più o meno hanno fatto o fanno lo stesso...si tratta di tre geni di immagine...la loro immagine nn deve scadere...internet è una trappola perchè ogni giorno uno può fruire notizie su di te...e questo fa male a chi fa della sospance il suo cavallo di battaglia ps:volevo dirvi perchè accanto alle hit nn mettete pure il numero di copie di album venduti...per il resto complimenti a tutti

Posta un commento

Tu sei libero di dire quello che vuoi. Io sono libero di cancellare quello che voglio. In particolare, i commenti ingiuriosi e/o stupidi si autocancelleranno. I commenti anonimi sono tollerati ma ti invitiamo ad apporre almeno una sigla come riferimento.